Prestiti

Calcolo prestito INPDAP Calcolo prestito INPDAP

Calcolo prestito INPDAP

Il calcolo di un prestito INPDAP chiarisce i costi di un finanziamento contratto con l’INPS, che si occupa di dipendenti e pensionati pubblici. L’INPDAP era infatti l’ente pubblico che gestiva i trattamenti previdenziali e creditizi di chi aveva lavorato nel settore pubblico: oggi, queste funzioni sono state assunte dalla Gestione Unitaria dei Dipendenti Pubblici in seno all'INPS, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Quindi, è molto facile imbattersi nei cosiddetti prestiti “INPS ex INPDAP”: per potervi accedere, è necessario in primo luogo essere iscritti all'apposito registro della Gestione Unitaria.

Per effettuare il calcolo della rata di un prestito INPDAPè in primo luogo necessario chiarire quale tipo di finanziamento si sta prendendo in considerazione. Ad esempio, se si sceglie l’opzione della cessione del quinto, la rata mensile avrà un importo strettamente legato al proprio reddito mensile. La rata infatti non può superare il 20% dell’importo mensile di stipendio o pensione, tenendo in considerazione un tasso di interesse comunque sempre presente. Per queste sue caratteristiche, un finanziamento con cessione del quinto è aperto solo a pensionati e lavoratori dipendenti.

L’INPS propone però anche altre forme di credito. La simulazione del prestito INPDAP riguarda ad esempio un finanziamento rivolto agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dell’INPS, conosciuta anche come Fondo credito. Gli iscritti, ossia lavoratori pubblici o pensionati, possono accedere a piccoli prestiti INPS dall’importo pari a 1, 2, 3 o 4 mensilità di stipendio o pensione. Anche in questo caso, dunque, il calcolo parte dal valore del proprio reddito mensile. Devono poi però essere tenuti in conto altri elementi, come le modalità di rimborso, la cadenza delle rate e un tasso di interesse. Il piccolo prestito INPS ex INPDAP prevede oggi un tasso nominale dello 4,25%. La simulazione del calcolo del piccolo prestito INPDAP deve partire da tutti questi fattori.

Il calcolo del prestito INPDAP per i dipendenti statali si giova comunque di alcuni vantaggi rispetto a quando si simula un finanziamento da una banca privata: proprio il fatto di stipulare un prestito in accordo con l’INPS, garantisce infatti una certa sicurezza in più e quindi un vantaggio economico da monitorare.